Seiko 5 SNKK27, 38.5 mm

Recensione personale del Seiko 5 SNKK27

Ecco la mia video recensione. Se invece vuoi leggere l’articolo prosegui più sotto.

Seiko 5 SNKK27, 38.5 mm
Seiko 5 SNKK27, 38.5 mm

Cari lettori appassionati di orologeria, l’orologio che presento oggi è uno di quelli che vengono incensati ovunque e che hanno fatto, nel suo piccolo, la storia dell’orologeria stessa: il Seiko 5.

Si perchè non sono solo i segnatempo più complicati o quelli più innovativi e costosi ad aver messo una pietra miliare in questo campo; anche un orologio economico, entry level ed abbordabile, può aver significato qualcosa. Si tratta infatti di un orologio di massa che ha contribuito (e contribuisce tutt’ora) a far avvicinare al mondo degli automatici tutti coloro che si affacciano per la prima volta a questo fantastico hobby (hobby? meglio passione).

Un pezzo che non manca nella collezione di un appassionato, sia esso cultore degli orologi high end o meno; per intenderci: un vero appassionato possiede sia Rolex, Omega che Seiko 5 e Vostok.


Intanto dobbiamo districarci in mezzo ad una giungla di referenze che si dipanano negli anni, esistono letteralmente centinaia di modelli denominati Seiko 5. Molti di questi sono inspiegabilmente fuori produzione, magari proprio quelli che hanno riscontrato maggiore successo tra il pubblico, ma Seiko ci ha ormai abituato a queste mosse che sembrano non curarsi della popolarità raggiunta da una tale referenza (vedi esempio recente del SARB033).

Per chi volesse approfondire le varie referenze, pubblico qui il link verso il sito “Seiko 5 Finder“, un portale nel quale sono riportati tutti i modelli e tutte le caratteristiche.

Io stesso ho utilizzato questo sito per la mia ricerca del Seiko 5 perfetto, ma ogni volta che pensavo di aver trovato l’orologio giusto, scoprivo che era fuori produzione o introvabile.

Ma cosa mi ha portato a scegliere la referenza SNKK27 in questione? Ebbene, per il diametro cassa di 38.5 mm.


Partiamo con le premesse. La serie Seiko 5 è l’entry level dell’orologeria meccanica assieme alla serie Vostok Amphibia e ciò che mi ha spinto a volerlo è proprio la possibilità di avere un bell’orologino ad ingranaggi ad un costo irrisorio per il semplice fatto che mi piaceva l’idea di possedere un meccanico giapponese entry level per testarne le qualità.
Il problema di questa serie è che non è semplice trovarla in negozio e, a causa delle centinaia di modelli esistenti, la scelta era diventata ardua.

4 colori di quadrante disponibili per questo modello
4 colori di quadrante disponibili per questo modello

Ardua perchè i più economici e spesso anche i più carini vengono realizzati nelle misure diametro cassa di 36 o 37 mm e non si possono acquistare alla cieca, vanno provati; esistono poi i Seiko 5 Sport che vanno dai 42mm in su ma nella fascia 38/39/40 vi è una vera e propria penuria di opzioni.


Quanto sopra serve a spiegare che la mia ricerca di un diametro decente per il mio polso (19,5 cm) è stata abbastanza lunga. Ho spulciato quasi tutti i modelli possibili e cercato poi le video recensioni, sperando di vedere una misurazione reale e capirne le dimensioni.
Alla fine ho scelto questo con referenza SNKK27: diametro cassa 38,5mm, lug to lug 45,5 mm e ansa da 19mm.

La cassa

Ho scelto questo modello per il bel blu del quadrante e per la sfera ore a freccia, mi piace molto. La parte evidenziata in giallo che va dalle 12 alle 4 … non serve a niente se non per estetica. Trovo che dia un tocco di sportività, si abbina alla sfera secondi gialla e mi serve anche per differenziare dagli altri orologi in modo che quando lo indosso mi vedo qualcosa di differente da quello che ho già.
Ovviamente se fosse stato l’unico orologio in mio possesso lo avrei scelto più sobrio, ma così non è.

Una panoramica dell'orologio e del quadrante blu
Una panoramica dell’orologio e del quadrante blu

Gli indici sono in rilievo e la profondità del quadrante è sorprendente per questo livello (entry level) mentre la finitura della cassa è lucida. Un tipo di lucido che non fa mettere le mani nei capelli per la percezione di qualità ma che è comunque piacevole.

la profondità del quadrante è sorprendente
la profondità del quadrante è sorprendente

La corona è posta ad ore 4, questa posizione è tipica e si trova nella maggior parte dei Seiko 5, ma ci sono anche alcuni modelli con la classica corona ad ore 3.


Sicuramente cassa e quadrante sono le parti eccelse dell’orologio (a differenza del bracciale) e trovo che siano ben realizzate, anche la qualità che si percepisce è elevata, specie per questa fascia di prezzo (sotto i 100 euro).

Primo piano frontale del quadrante
Primo piano frontale del quadrante

Il vetro è in Hardlex, un marchio registrato da Seiko, che non è certo Vetro Zaffiro ma dovrebbe garantire una maggior resistenza ai graffi; i pareri sono discordanti e in fondo sempre di vetro minerale si tratta.


Per quanto riguarda l’illuminazione notturna, oserei definirla buona. Non appena si rientra al chiuso si posono notare gli indici e le sfere che hanno già preso “colore”, una sorpresa piacevole per questa fascia di prezzo.

Il lume del Seiko 5
Il lume del Seiko 5


Il fondello è a vista, sempre in Hardlex, e mette in mostra il calibro che in questa serie è il movimento base di Seiko, il 7s26

Il fondello trasparente
Il fondello trasparente

Si tratta di un calibro basico, a carica automatica ma senza la possibilità di carica manuale e senza lo stop dei secondi.


Sono presenti la complicazione della data e quella del giorno (inglese ed italiano) con la rimessa rapida. Tra gli appassionati vi sono pareri discordanti sulla bontà e sulla precisione di questo calibro. Da una prova sul campo mi risulta uno scarto di +12 secondi al giorno che non è certo eccessivo; va anche detto che ho sentito di persone che lo hanno fatto regolare risultando preciso, ma questa precisione si è poi andata a perdere col passare del tempo; insomma pare che regolarlo sia inutile, va preso per quello che è: un calibro economico e di base.
Il sistema magic lever di Seiko è comunque efficiente e la ricarica bidirezionale è ottima. Non appena si scuote leggermente l’orologio, le lancette iniziano a girare. Questo non succede con tutti i calibri, spesso occorre scuotere molto o addirittura caricarlo manualmente prima di metterlo al polso.

Ovviamente, non essendo questo 7s26 provvisto di carica manuale, il fatto che accenda il moto istantaneamente è ben gradito.

Il bracciale

Panoramica del bracciale
Panoramica del bracciale


Ormai è risaputo che i bracciali e i Seiko non vanno molto d’accordo, in quasi tutti i modelli escludendo quelli high end. Nel nostro Seiko 5 troviamo un bracciale a maglie e finali ripiegati, leggerino e rumoroso, con quel “simpatico” metodo di estrazione delle maglie che risulta macchinoso ed antiquato, vedi foto.

Occorre far leva dall’interno con un cacciavite, spingere piano piano verso l’esterno ed estrarla. Old school…


La clasp è in lamierino e la parte che si ripiega su se stessa è molto sottile, anch’essa in lamierino stampato. Solo tre fori per la micro regolazione, che uniti alla difficoltà della estrazione delle maglie, rendono complicata la messa a misura del bracciale.

Dettaglio della clasp. Si vedono bene le maglie ripiegate del bracciale e i fori di micro regolazione
Dettaglio della clasp. Si vedono bene le maglie ripiegate del bracciale e i fori di micro regolazione
Lamierino stampato sottile
Lamierino stampato sottile

Gli aspetti negativi del Seiko 5

Il bracciale. Come appena detto, è uno dei peggiori in circolazione

La clasp. Stampata, sottile ed economica.

La corona di carica. Sottodimensionata, si fa fatica a regolare i settaggi. Occorre dire, a parziale discolpa, che non essendo prevista la carica manuale l’utilizzo della corona dovrebbe avvenire una volta, una tantum. Si suppone che chi indossa l’orologio lo faccia per un tempo lungo e che non abbia necessità di estrarre la corona spesso. Ovviamente chi come me cambia orologio anche più volte al giorno, rischia di trovarlo fermo e dover mettere mano alla corona di regolazione.

Conclusioni

A mio modesto parere stiamo parlando del marchio più importante del mondo. Seiko ha fatto la storia dell’orologeria e continua a farla. Ha introdotto innovazioni e tracciato nuove strade, ma non solo. La sua produzione di milioni di orologi va dall’entry level automatico alla serie lusso Grand Seiko, dal quarzo economico all’orologio a carica solare, dal Kinetic allo Spring Drive.

Una montagna di “roba” che nessuna altra casa si sogna di poter “coprire”; un mercato vasto e condotto alla giapponese: con meticolosità e umiltà.

Questo Seiko 5 lo si può avere per meno di 100 Euro e certi modelli (36mm e 37mm) si possono acquistare per 60/70 Euro. La precisione di marcia di +12 secondi al giorno non è molto differente da altri orologi “blasonati” che ho e non è quindi il calibro incassato da tenere sotto mira.

In questo range di prezzo vengono perdonate anche certe cadute di qualità che però non inficiano il valore dell’orologio stesso. Promosso a pieni voti.

Per chi volesse acquistare questo Seiko 5 ecco il link: https://amzn.to/2JrdzFp

Galleria fotografica:

Seiko 5 SNKK27, 38.5 mm

Disclaimer: Sono un appassionato collezionista con limitate nozioni tecniche e tanta voglia di studiare. Le recensioni qui riportate rappresentano esclusivamente un parere personale e sono frutto di esperienza diretta. Gli orologi recensiti sono stati tutti da me posseduti nel tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.